Dissesto idrogeologico, Veneto a rischio secondo i dati ISPRA

Dissesto idrogeologico, Veneto a rischio secondo i dati ISPRA: quasi il 10% del territorio regionale a rischio alluvione.


Il nuovo rapporto ISPRA sul dissesto idrogeologico del territorio italiano fa emergere una situazione preoccupante per quanto riguarda il Veneto, con il 9.6% del territorio regionale a rischio alluvione (qui è possibile scaricare il rapporto completo).

Nella nostra regione una superficie di 1.758,3 chilometri quadrati ha una pericolosità idraulica media (“P2”), vale a dire il 9.6% del territorio regionale: «Le Regioni con i valori più elevati di superficie a pericolosità idraulica media P2 sono EmiliaRomagna, Toscana, Lombardia, Piemonte e Veneto», come si legge nel rapporto.

Per quanto riguarda invece le aree definite “P1”, e cioè a bassa pericolosità idraulica, il Veneto è la seconda regione a rischio d’Italia preceduta soltanto dall’Emilia-Romagna.

Le zone definite “P3”, e cioè ad alta pericolosità idraulica, rappresentano infine il 7.1% del territorio regionale, e cioè 1.306,4 chilometri quadrati.

Una situazione grave che riguarda peraltro tutto il territorio italiano e che mostra in maniera evidente come sia sempre più indispensabile ragionare in termini di riduzione del consumo di suolo e di rigenerazione urbana, ma anche come sia fondamentale lavorare ad un piano nazionale condiviso per far sì che il tema del dissesto idrogeologico venga considerata una priorità da risolvere.